MotoGP, l'ambizione di Martín: "Nel 2024 mi vedo campione del mondo"

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
MotoGP, l'ambizione di Martín: "Nel 2024 mi vedo campione del mondo"
Jorge Martin
Jorge Martin
AFP
Il pilota spagnolo della Ducati si dice pentito di aver voluto strafare in Indonesia: "Se avessi vinto lì quasi sicuramente avrei vinto il Mondiale MotoGP. Sentirmi così superiore, volerli umiliare per così dire, è stato ciò che mi ha fatto fallire. Ho imparato per il futuro. Puoi vincere per due decimi o per un secondo, i punti sono gli stessi"

"Mi vedo campione nel 2024, ma questo richiede che molte circostanze vengano a coincidere. Sarà un anno interessante. Il livello sta crescendo sempre di più. Ma dobbiamo sempre lavorare ed essere migliori del giorno prima". 

Jorge Martin, ospite di una trasmissione tv su Antena 3, non ha nascosto le sue ambizioni per il motomondiale dell'anno prossimo, dopo aver concluso al secondo posto dietro Francesco Bagnaia quello del 2023.

"Non ho perso il campionato nell'ultima gara (a Valencia, ndr). Sono successe molte cose quest'anno. È stato un percorso molto lungo. Sono stato lontano e poi sono arrivato vicino - ha detto ancora il pilota del team Pramac Ducati - . Alla fine è stato difficile vincere perché sono arrivato a Valencia svantaggiato, ma a inizio stagione il mio obiettivo era la Top 3 e dunque sono contento dell'anno che ho vissuto".

La caduta in Indonesia, quando era in testa alla gara con 3" di vantaggio, gli è costata il titolo: "Se avessi vinto lì quasi sicuramente avrei vinto il Mondiale MotoGP. Sentirmi così superiore, volerli umiliare per così dire, è stato ciò che mi ha fatto fallire. Ho imparato per il futuro. Puoi vincere per due decimi o per un secondo, i punti sono gli stessi".