Goggia domina nel superG di St.Moritz, vittoria numero 23 come Brignone

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Goggia domina nel superG di St.Moritz, vittoria numero 23 come Brignone
Aggiornato
Sofia Goggia
Sofia Goggia
Profimedia
Quinta la compagna-rivale azzurra, brutta caduta per Curtoni.

Sofia Goggia trionfa nel superG di coppa del mondo di San Moritz, prima gara veloce della stagione. Con il tempo di 1.16.63, con una gara sempre in progressione, la lombarda si prende la vittoria n.23 in carriera, tornando a eguagliare Federica Brignone, oggi quinta, come record assoluto di successi tra le azzurre.

Sul podio, ma staccate, sono salite l'austriaca Cornelia Huetter e la svizzera Lara Gut-Behrami. Quarto posto per Mikaela Shiffrin, settima Marta Bassino. Brutta caduta per Elena Curtoni dopo una spigolata ad alta velocità ma senza gravi conseguenze.

Goggia fa festa: "Ho fatto tutto bene nei punti chiave"

"Il superG di St. Moritz, anche in condizioni perfette, non è mai semplice. Oggi bisognava mettere la velocità nei tratti giusti e credo di averlo fatto". Sofia Goggia si gode il ritorno alla vittoria in SuperG: sulle nevi di St.Moritz, nella gara che apre il week end e l'attesa per la discesa libera di domani, l'olimpionica dice di essere "partita un po' lenta, come sempre, nella parte centrale dove ho fatto la differenza, in realtà mi sentivo sempre un po' lunga, ma ero veloce e sinceramente non mi aspettavo di vincere con 95 centesimi di vantaggio. Quando sono arrivata al traguardo non ho avuto sensazioni buonissime, mi sono dovuta inventare lungo il percorso. Il percorso nel gigante l'ho dovuto intraprendere per forza, perché avevo bisogno di una base tecnica più solida. C'era la curiosità di cominciare con la velocità, le prove dei giorni scorsi sono andate abbastanza bene, e ora bisogna andare al massimo sia domani che dopodomani".

Brignone delusa: "Il podio ci stava, so di poter fare molto meglio"

Più che delusa invece Federica Brignone: "Sono molto arrabbiata - ha detto la campionessa valdostana -, perché oggi non avrei di certo vinto la gara, ma un posto sul podio avrei potuto prenderlo. Sull'ultimo salto sono uscita troppo a destra e ho dovuto mettermi ancora di spigolo e lì ho perso quei 7 decimi che mi hanno impedito di prendere il podio. Io voglio sciare come so e oggi non ci sono riuscita: oggi non ero così fluida, non ero al 100%, non è così che mi piace sciare, so di poter fare molto meglio e per questo non sono contenta". "Partiamo dal presupposto che Sofia oggi ha fatto la differenza - ha detto Marta Bassino - perché abbiamo distacchi importanti. Domani farò la discesa, in prova ho fatto dei tratti abbastanza bene, vedremo se riuscirò a mettere insieme tutto".