Derby Week: La rivalità a tre di Bruxelles: soldi vecchi, soldi nuovi e una spruzzata di hipsterismo

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Derby Week: La rivalità a tre di Bruxelles: soldi vecchi, soldi nuovi e una spruzzata di hipsterismo
Il Royale Union Saint-Gilloise ha battuto l'Anderlecht nel derby dello scorso gennaio.
Il Royale Union Saint-Gilloise ha battuto l'Anderlecht nel derby dello scorso gennaio.
Profimedia
Per molti anni, Bruxelles è appartenuta a un unico club in termini di calcio. L'RSC Anderlecht ha dominato la capitale (e molto spesso il Paese). Ma nel 2021, un altro club di Bruxelles, il Royale Union Saint-Gilloise, è riapparso improvvisamente nella massima serie belga. E non si trattava di un apparizione fugace, visto che si è classificato subito tra le migliori squadre del campionato. Il derby metropolitano ha acquisito immediatamente importanza e intensità. Nella stagione in corso, alla prima divisione della capitale si è aggiunto l'RWD Molenbeek, per cui ora ci sono tre candidati alla corona calcistica di Bruxelles.

Le numerose rivalità tra le diverse comunità belghe (Fiandre, Vallonia e Bruxelles), o addirittura al loro interno, sono state al centro della Derby Week di qualche settimana fa, in particolare il cosiddetto "Classico belga" tra Standard Liegi e Anderlecht. Quest'ultimo, tuttavia, ha recentemente visto emergere nuovi, o meglio vecchi, rivali nelle proprie vicinanze. Tre grandi battaglie calcistiche si svolgeranno a Bruxelles nella prossima settimana, ma chi si sfiderà?

A partire da questa stagione, ci sono tre squadre di prima divisione a Bruxelles.
P3K / Google Maps

Il gigante addormentato e lo sfidante

Il Royal Sporting Club Anderlecht ha sede nell'omonima zona della capitale belga. Con 34 titoli, è il club più vincente del Paese. Ha ottenuto grandi trionfi anche nelle coppe europee, vincendo due volte la Coppa delle Coppe (1976 e 1978) e una volta la Coppa UEFA (1983). È ancora uno dei club più forti e ricchi del calcio belga, anche se i risultati non sono all'altezza del passato recente.

La scorsa stagione si è classificata all'11° posto (la Jupiler Pro League conta 18 partecipanti). L'ultimo titolo è stato vinto nel 2017. Tuttavia, al momento sembra che abbiano finalmente trovato la strada giusta per tornare sul trono. Ci sarà un "ritorno del re" in questa stagione?

Il Royale Union Saint Gilloise ha sede in un vecchio e accogliente stadio nel quartiere Forest di Bruxelles. Tuttavia, porta il nome del vicino comune di Saint Gilles. Per i tifosi di oggi, questo club è una rivelazione che ha raggiunto la vetta del campionato belga e della Coppa europea come un fulmine a ciel sereno. Pochi si aspettavano che il Royale Union si affermasse così rapidamente dopo il suo ritorno nella massima serie e che potesse addirittura lottare per il titolo nella sua prima stagione tra le élite. Mancavano dal campionato da 48 anni, ma il successo è nel loro DNA.

Classifica della Jupiler Pro League
Flashscore

Il Saint-Gilloise è ancora il terzo club belga della storia in termini di titoli (il Club Brugge è secondo con 18). La prima metà del XX secolo è stata un'epoca gloriosa per il club, più precisamente il periodo precedente la Seconda Guerra Mondiale, quando ha vinto tutti i suoi 11 trofei di campionato. Dopo la guerra, il club fu selezionato per rappresentare il Belgio nella Coppa delle Fiere europee (seguita poi dalla Coppa UEFA), ma poi scomparve dalla massima serie per molto tempo.

Nella primissima stagione di ritorno nell'élite, l'edizione 2021/22, è riuscito a vincere la stagione regolare del campionato. Tuttavia, nella fase a gironi del titolo sono stati sconfitti da una squadra esperta come il Brugge. Nella seconda stagione, il Royale Union ha confermato di non essere un caso. Ha concluso la stagione regolare al secondo posto, con lo stesso numero di punti del Genk, leader della classifica. In un finale di campionato estremamente combattuto, l'Anversa ha conquistato il titolo, con un punto di vantaggio sia sul Genk, secondo classificato, sia sul Royal, terzo classificato.

La rinascita del club è dovuta principalmente ai suoi nuovi proprietari. Il primo, nel 2018, è stato Tony Bloom, proprietario anche della squadra inglese del Brighton. Dall'anno scorso, Alex Muzio, socio di Bloom, è l'azionista di maggioranza. L'aspetto interessante e di successo è la gestione del club, che si basa sulla filosofia "compra basso, vendi alto". Per esempio, Kaoru Mitoma, che sta brillando nella Premier League inglese con i colori del Brighton, o Victor Boniface, la stella della stagione in corso e del Leverkusen tedesco, si sono fatti un nome con la maglia del Royal Union. La squadra è ancora in testa alla classifica nella stagione in corso.

Stabilità finanziaria + talento = successo

L'RWD Molenbeek (nome completo Racing White Daring Molenbeek) segue le orme di molti altri club di successo della storia. Anche dal punto di vista economico si è rimesso in piedi (o è stato completamente rifondato nel 2015) grazie a un investitore straniero. Il club è di proprietà dell'americano John Textor, che possiede anche il Crystal Palace in Inghilterra (curioso, visto che il principale rivale di quest'ultimo è il Brighton).

Molenbeek, un quartiere nel centro di Bruxelles, è una rinomata fucina di talenti. Dall'accademia giovanile di RWD e dei suoi predecessori sono usciti, ad esempio, Michy Batshuayi e Adnan Januzaj. Come nuovo arrivato nella massima serie, il Molenbeek non sta andando male in questa stagione. È vicino a finire nel gruppo "medio" della seconda fase (posti dal 7 al 12) dopo la fine della stagione regolare, il che significherebbe evitare la lotta per la retrocessione.

La settimana dei derby inizierà giovedì a Bruxelles con il duello tra Saint-Gilloise e Anderlecht nei quarti di finale della coppa, rinviato la scorsa settimana a causa della neve. Domenica, le due squadre attualmente in testa alla classifica si affronteranno nuovamente in campionato. Le due rivali si misureranno per l'ottava volta dal 2021. Il Royale Union detiene un record senza precedenti finora, avendo sempre vinto contro l'Anderlecht in tutti e sette gli incontri di campionato dalla promozione.

L'Anderlecht ha tifosi in tutto il Belgio, sia nella parte francofona che in quella fiamminga. Anche il Royale Union ha guadagnato popolarità grazie alla sua fulminea ascesa al vertice del campionato. Il club è particolarmente popolare tra i residenti di Bruxelles che non sono nati nel Paese, molto spesso dipendenti di molte istituzioni europee. Secondo le statistiche ufficiali dei cosiddetti expat provenienti da altri Paesi dell'UE, circa 100.000 di loro vivono a Bruxelles, costituendo circa un decimo della popolazione della città. Il derby di Bruxelles è quindi un po' uno scontro tra un marchio tradizionale belga e un club moderno "hipster" e di grande successo, popolare soprattutto tra gli stranieri.

Tre giorni dopo, il Royale Union si scontrerà anche con l'altro rivale cittadino. Il derby tra Royale Union Saint-Gilloise e RWD Molenbeek è soprannominato con il tipico umorismo autoironico di Bruxelles "zwanze". Il primo derby Zwanze nella massima competizione è terminato 3-2 per il Royale Union.

Il programma

Giovedì 25 gennaio

Derby di Bruxelles (coppa)

Royale Union Saint-Gilloise - RSC Anderlecht

Domenica 28 gennaio

Derby di Bruxelles (campionato)

RSC Anderlecht - Royale Union Saint-Gilloise

Mercoledì 31 gennaio

Derby di Zwanze (campionato)

Royale Union Saint-Gilloise - RWD Molenbeek

Altri derby della settimana

Mercoledì 24 gennaio

Olanda - KNVB Beker (coppa)

Feyenoord - PSV Eindhoven

De Kraker

Uno dei tradizionali eventi clou del calcio olandese, la partita tra Feyenoord Rotterdam e PSV Eindhoven è chiamata "De Kraker", che potrebbe essere tradotto vagamente come "il cracker". Il PSV ha vinto la prima partita della stagione, quando si sono scontrati per la Supercoppa, per 1-0. Ha vinto anche il campionato (2-1). Ora il De Kraker si disputerà anche nella coppa nazionale.

Venerdì 26 gennaio

Australia - A-League

Melbourne Victory - Sydney FC

Il Grande Blu

C'è una grande rivalità tra le due città più importanti d'Australia: Sydney e Melbourne. Il derby calcistico tra le squadre più importanti delle due sedi è chiamato The Big Blue, perché i colori dei club sono entrambi blu e anche perché in inglese australiano "blue" significa lotta, rissa o litigio.

Domenica 28 gennaio

Inghilterra - FA Cup

West Bromwich Albion - Wolverhampton

Derby della Contea Nera

Il nome "Black Country" è stato adottato per la parte occidentale delle Midlands inglesi a metà del XIX secolo, all'apice della rivoluzione industriale in Inghilterra. Poco dopo, qui si formarono i due club più storici della regione, che ora si scontrano nella tradizionale FA Cup.

Belgio - Jupiler Pro League

Sint-Truiden - KRC Genk

Derby del Limburgo

Il derby tra Sint-Truiden e Genk è una rivalità locale tra due città del Limburgo, una provincia fiamminga nell'est del Belgio. Le due città distano 35 km l'una dall'altra. Il KRC Genk è la migliore delle due. Ha un nome importante soprattutto grazie alla sua accademia, che ha prodotto giocatori come Kevin De Bruyne, Thibaut Courtois e Leandro Trossard. L'ultimo scontro è terminato con un pareggio per 3-3, anche se il Sint-Truiden conduceva per 3-0 all'intervallo.

Svizzera - Super League

Grasshoppers - FC Zurigo

Derby di Zurigo

Basilea e Zurigo sono due delle città più importanti della Svizzera. Entrambe si trovano nella parte prevalentemente di lingua tedesca del Paese alpino. Questo è uno dei motivi della loro rivalità, che si estende anche ad altri sport. C'è una grande rivalità tra l'FC Basilea e l'FC Zurigo, ma quest'ultimo condivide anche il rancore con il vicino di città, il Grasshoppers.

Croazia - HNL

Hajduk Spalato - HNK Rijeka

Derby dello Jadranski (derby dell'Adriatico)

La parte primaverile del campionato croato è iniziata in modo frenetico. Le prime due squadre in classifica e le grandi rivali si affronteranno questa settimana. Il derby adriatico tra i due club più importanti delle città costiere croate di Spalato e Fiume è famoso per la sua atmosfera esuberante, che è responsabilità dei gruppi di tifosi di entrambi i club - la cosiddetta Torcida Hajduk Split e l'Armada, che è dietro l'HNK Rijeka.

Brasile - Campeonato Paulista (campionato statale)

Palmeiras - Santos FC

Clássico da Saudade

Il Clássico da Saudade (tradotto approssimativamente come "derby della nostalgia") è una competizione calcistica tra alcuni dei maggiori club dello stato di San Paolo. Si tratta addirittura dei due club di maggior successo nella storia dell'intera massima competizione brasiliana, con i giocatori del Palmeiras che hanno vinto 11 scudetti e il Santos otto.

Martedì 30 gennaio

Corinthians - San Paolo

Clássico Majestoso

C'è anche una rivincita della semifinale di Coppa del Brasile tra due grandi squadre di San Paolo nel Paulista da gustare. Il derby tra San Paolo e Corinthians si chiama Clássico Majestoso ed è davvero un "derby maestoso" che è stato giocato più di 350 volte.