Formula 1: ecco le 10 nuove auto sulla griglia di partenza della nuova stagione

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Formula 1: ecco le 10 nuove auto sulla griglia di partenza della nuova stagione
La nuova RB20 sarà guidata da Max Verstappen e Checo Pérez
La nuova RB20 sarà guidata da Max Verstappen e Checo Pérez
@RedBullRacing
Dopo la presentazione di giovedì della RB20, la nuova monoposto con cui Verstappen cercherà il suo quarto titolo mondiale, ora conosciamo tutte le vetture che i team schiereranno sulla griglia di partenza della Formula 1 nel 2024.

Ecco, in ordine di classifica nel 2023, le nuove vetture e alcune delle novità che ognuna di esse presenterà in questa nuova ed entusiasmante stagione, che inizierà in Bahrain dal 21 al 24 febbraio con i primi test e dal 29 febbraio al 3 marzo con il primo Gran Premio.

Red Bull (Verstappen-Pérez)

Lusso da parte del campione. Il grande dominatore della F1 ha lasciato che gli altri team presentassero le loro auto, molte delle quali copiano i concetti passati del guru Newey, per mostrare quella che sarà sicuramente l'auto da battere nel 2024. In questo modo, Milton Keynes ha evitato la "tentazione" di altri ingegneri di copiare immediatamente le sue idee per la nuova stagione.

Con Christian Horner, indagato per presunti comportamenti inappropriati, a condurre la presentazione, i la RB20 è stata svelata giovedì insieme all'ex pilota David Coulthard. Verstappen, felice di vedere il suo nuovo "giocattolo", spera che gli dia buone sensazioni in Bahrain.

Mercedes (Hamilton-Russell)

Nell'ultimo anno del sette volte campione del mondo, il marchio tedesco vuole dargli una macchina con cui lui e Russell possano tornare a vincere, cosa che non è successa negli ultimi due anni. E questo fa male alla squadra che ha dominato con pugno di ferro l'era ibrida della F1.

Le frecce d'argento hanno apportato una profonda modifica alla loro W15. L'intera fiancata, il pianale e il posteriore sono stati modificati, in pieno stile Red Bull. Anche il muso è più corto rispetto alla W14 e persino il cofano motore è stato ridisegnato.

Ferrari (Leclerc-Sainz)

In attesa dell'arrivo di Hamilton, il Cavallino Rampante dovrà vedere come gestire la situazione di Carlos Sainz, l'unico a regalargli una vittoria nell'ultimo anno, e se dare la priorità a Leclerc a scapito dello spagnolo.

Quello che si sa è che la SF-24 presenta molte differenze con la vettura 2023. Fondamentalmente, si può dire che si tratta di una nuova vettura, in cui sono stati modificati il muso, le fiancate - entrambe in stile Red Bull - e il diffusore. Anche il pianale è stato ridisegnato, per ottenere una maggiore efficienza in curva, e le sospensioni, sebbene sia stato mantenuto il sistema "push.rod", per cercare di evitare un'eccessiva usura degli pneumatici. Newey dovrebbe chiedere i diritti d'autore.

McLaren (Norris-Piastri)

La MCL38 spera di sfruttare i buoni risultati ottenuti dal suo predecessore nelle ultime gare del 2023, quando Norris è stato in grado di fare a sportellate con Verstappen, ottenendo sei secondi posti. È ora di fare un altro passo avanti e questo è ciò che Woking spera di ottenere con la sua nuova vettura.

Per ora, il muso è più corto e più stretto, sempre nello stile della Red Bull, così come i nuovi deflettori sul pavimento e la copertura del motore più piccola. La vettura mantiene il suo stile di sospensione anteriore, il cosiddetto"pull.rod", che ritiene di poter evitare il porpoising o il beccheggio.

Aston Martin (Alonso-Stroll)

La vettura più sorprendente all'inizio della scorsa stagione è stata senza dubbio la AMR23, la seconda più veloce in griglia. Ma poi non si è evoluta come le altre e ha concluso al quinto posto e con brutte sensazioni. Quelle stesse sensazioni che, dopo averla provata sull'asfalto, Fernando Alonso ha ora dichiarato "sono ottime".

Per ora, la cosa più evidente è il muso, che è più corto, come i suoi rivali, e che si collega con il secondo piano dell'ala e non con il primo come l'anno scorso. Inoltre, anche il pavimento è stato ridisegnato ed è abbinato a pontoni più stretti.

Alpine (Ocon-Gasly)

Alpine ha indubbiamente fatto un passo indietro, o addirittura due, nelle sue prestazioni. L'accoppiata Ocon-Gasly, come previsto, non ha funzionato affatto bene e si sono verificati attriti in pista e fuori. Questo e una macchina che non ha funzionato su molti circuiti hanno fatto salire la tensione e hanno lasciato i francesi al sesto posto in campionato. È quindi urgente una rivoluzione.

L'hanno già fatta negli uffici con la partenza di Rossi, Szafnauer e Permane. Anche il capo tecnico, Patt Fry, se n'è andato. E sanno che per il 2024 la loro power unit Renault avrà ancora un deficit di cavalli rispetto agli altri motori. Questo dovrà essere compensato con altre soluzioni nell'A524. Riusciranno a essere più efficienti? Dovremo aspettare e vedere.

Williams (Albon-Sargeant)

Una delle scuderie più storiche della F1 sta cercando di uscire dal baratro in cui si trova da anni, anche se il primo obiettivo della nuova FW46 è semplicemente quello di continuare a migliorare come hanno fatto nella seconda fase del 2023, cosa che era già vista come un grande progresso.

Naturalmente, come ha detto Albon, il suo primo e indiscusso pilota, lo stile di guida dovrà essere cambiato perché sono state chieste così tante cose alla fabbrica che la filosofia della vettura ha subito diverse modifiche che richiedono un nuovo stile di guida. Parole promettenti.

RB (Ricciardo-Tsunoda)

L'obiettivo della squadra erede di Alpha Tauri non è altro che quello di uscire dalle retrovie, sono ottavi nel Campionato del Mondo costruttori, e di fare più punti dei 25 della scorsa stagione.

E per raggiungere questo obiettivo, non hanno esitato a basarsi, forse troppo per il resto delle squadre, sulla Red Bull con cui Verstappen ha conquistato il Campionato del Mondo di F1 nel 2023. La VCARB 01 si assomiglia molto, facendo sorgere il sospetto di un trasferimento di informazioni tecniche e aerodinamiche.

Sauber (Bottas-Zhou)

La Sauber è stata la seconda peggiore squadra sulla griglia di partenza del 2023. Dal sesto posto è scesa al nono e questo non può permettersi di ripetersi nel 2024 e in futuro con l'arrivo dell'Audi nel 2026.

Per questo motivo, il loro concetto di monoposto è cambiato per risolvere i loro alti e bassi nel campionato. L' influenza della Red Bull sul design è evidente, come nel caso delle sospensioni. Tuttavia, l'intenzione è quella di sviluppare continuamente la vettura e di non basare tutti gli sforzi sul primo tentativo, ma sulle evoluzioni.

Haas F1 (Magnussen-Hulkenberg)

La prima a mostrare la propria vettura è stata la scuderia americana, forse più per ragioni di marketing, per attirare l'attenzione che forse faticheranno a ottenere una volta scesi sull'asfalto.

L'obiettivo è quello di ottenere nuove prestazioni con un nuovo telaio che sposta parte del radiatore più in alto rispetto alla linea centrale della vettura e sposta in basso la barra di protezione dagli impatti laterali. Inoltre, la vettura presenta un nuovo frontale e un nuovo concetto di flusso d'aria.