Ratcliffe non si nasconde: "Voglio buttare Manchester City e Liverpool giù dal loro trono"

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Ratcliffe non si nasconde: "Voglio buttare Manchester City e Liverpool giù dal loro trono"
Jim Ratcliffe
Jim Ratcliffe
Profimedia
Il nuovo comproprietario del Manchester United ha dichiarato che i Diavoli rossi hanno molto da imparare dai "nemici" storici, facendo eco ad Alex Ferguson e giurando di disarcionarli entro tre anni.

Jim Ratcliffe, 71 anni, ha completato l'acquisto di una quota del 27,7% dei Red Devils, ma i termini dell'accordo delegheranno il controllo delle operazioni calcistiche alla sua società INEOS, nel tentativo di riportare lo United agli antichi fasti.

City e Liverpool sono state le forze dominanti del calcio inglese nell'ultimo decennio, mentre le fortune dello United si sono affievolite da quando il celebre ex manager Ferguson si è ritirato nel 2013.

I Reds sono in testa alla Premier League e alla fine della stagione potrebbero raggiungere il record dello United di 20 titoli della massima serie inglese, mentre i Citizens hanno vinto cinque degli ultimi sei campionati e in questa stagione puntano a diventare la prima squadra inglese a vincere quattro titoli consecutivi nella massima serie.

Le parole di Ratcliffe
Stats Perform/Profimedia

Ferguson ha descritto il City come "i vicini rumorosi" durante i primi giorni del suo regno sotto la proprietà di Abu Dhabi, che ha trasformato le sorti del club. In precedenza, quando arrivò a Old Trafford alla fine degli anni '80, disse che il suo compito era quello di "buttare giù il Liverpool dal suo trono" dopo un periodo di dominio da parte del club del Merseyside.

Entrambe le frasi sono state riprese da Ratcliffe, autoproclamatosi tifoso dello United, quando ha dichiarato ai giornalisti: "Abbiamo molto da imparare dal nostro vicino rumoroso (City) e dall'altro vicino (Liverpool). In fin dei conti sono loro i nemici". 

"Non c'è niente che vorrei di più che farli cadere entrambi dal loro trono. Allo stesso modo, siamo i tre grandi club del nord che sono molto vicini l'uno all'altro".

"Sono in una buona posizione da un po' di tempo e ci sono cose che possiamo imparare da entrambi. Hanno organizzazioni sensate, grandi persone al loro interno, un ambiente di lavoro valido, motivato e d'élite.  Sono molto rispettoso nei loro confronti, ma sono ancora il nemico".

Il miliardario si è già messo al lavoro per cercare di rivedere alcune delle strutture che non stanno dando i loro frutti. Ad esempio, Omar Berrada è stato prelevato dal City per diventare il nuovo amministratore delegato del club, mentre Dan Ashworth ha preso l'aspettativa dal Newcastle con lo United che cerca di concludere un accordo per farlo diventare nuovo direttore sportivo.

Ratcliffe, tuttavia, ha chiesto un po' di pazienza nel processo di ritorno dello United ai vertici del calcio inglese ed europeo. Senza un titolo di Premier League dal 2013, e campioni della Champions l'ultima volta nel 2008, i Red Devils devono rialzarsi in modo graduale: "Non si tratta di un interruttore. Non è un cambiamento immediato, ci vorranno due o tre stagioni", ha aggiunto Ratcliffe. "Bisogna chiedere ai tifosi un po' di pazienza. So che al mondo d'oggi piace la gratificazione istantanea, ma non è il caso del calcio". 

Poi, l'ultimo chiarimento: "Non è un piano decennale, perché in quel caso i tifosi non avrebbero più pazienza, ma è certamente un piano triennale per arrivare a questo punto. Ratcliffe ha assicurato ai tifosi che il suo investimento non è motivato da ragioni finanziarie che possano portare a speculazioni, poiché "guadagno abbastanza con i prodotti chimici, il petrolio e il gas".

Il miliardario ha inoltre in programma di riqualificare l'Old Trafford o di costruire un nuovo stadio, poiché ha ammesso che negli ultimi 20 anni l'impianto, che ha una capienza di 74.000 posti, è "rimasto indietro" rispetto a quello di altri club importanti.