Xabi Alonso si allontana da Liverpool e Bayern: il futuro a Leverkusen è sempre più realistico

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più

Il futuro a Leverkusen è sempre più realistico: Xabi Alonso si allontana da Liverpool e Bayern

Xabi Alonso è sinonimo di successo per il Bayer
Xabi Alonso è sinonimo di successo per il BayerProfimedia
L'allenatore spagnolo non sarebbe un serio candidato a succedere al manager uscente Jürgen Klopp al Liverpool, e neanche per la panchina del Bayern Monaco.

Secondo ESPN e Sky Sports UK, che citano fonti vicine al club, l'ex giocatore del Liverpool Xabi Alonso non è nella lista dei Reds per la carica di prossimo allenatore.

Secondo quanto riportato, Roberto De Zerbi del Brighton & Hove Albion e Ruben Amorim dello Sporting Lisbona sono i principali candidati a prendere il posto di Klopp.

Il manager della squadra tedesca, in carica dal 2015, aveva annunciato la sua partenza al termine della stagione.

Xabi Alonso ha vinto la Champions League con il Liverpool nel 2005 e ha un'ottima reputazione dalle parti di Anfield Road.

Probabilmente non è un'opzione neanche per il Bayern

Poiché anche un altro ex club dello spagnolo, il Real Madrid, non ha bisogno di lui dopo il prolungamento del contratto con Carlo Ancelotti, ci sono probabilmente due opzioni per Alonso: o rimanere al Bayer Leverkusen, dove è ancora sotto contratto fino al 2026, oppure il Bayern Monaco avrà buone probabilità nel tentativo di ingaggiarlo come successore di Thomas Tuchel.

Il presidente onorario del Bayern Monaco Uli Hoeneß, tuttavia, ha definito questo scenario "probabilmente impossibile" in un'intervista a BR24Sport.

Hoeneß ha detto che potrebbe immaginare che Xabi Alonso sia "più propenso a continuare con il Bayer Leverkusen, visti gli attuali successi, perché il club attualmente al primo posto in Bundesliga non vuole, diciamo, lasciarselo alle spalle. Se avesse avuto altri due o tre anni di successi, probabilmente sarebbe stato più facile portarlo via".

In linea di principio, i bavaresi vorrebbero trovare una soluzione il prima possibile: "Inizieremo ad aprile, sarebbe bello se potessimo farlo ad aprile senza che io dica ora che questo è il giorno definitivo", ha detto il direttore sportivo Max Eberl in un'intervista a Sky giovedì.