Liga, Il Girona fa sul serio: domina contro il Barça al Montjuïc e torna capolista

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Liga, Il Girona fa sul serio: domina contro il Barça al Montjuïc e torna capolista
Miguel Gutiérrez festeggia l'1-2 con i compagni di squadra
Miguel Gutiérrez festeggia l'1-2 con i compagni di squadra
Girona CF
Gli uomini di Míchel superano il Barça e vincono meritatamente il derby catalano. Dovbyk porta in vantaggio il Barça, ma Lewandowski pareggia poco dopo. Un gran gol di Miguel Gutiérrez allo scadere del primo tempo e un altro di Valery aumentano il divario. Nel finale, Gündogan dà una speranza al Barcellona, ma Stuani in contropiede realizza il 2-4. Seconda sconfitta per il Barça alla Montaña Mágica, entrambe contro le due rivali che lo precedono in classifica: Real Madrid e Girona.

Il Girona ha giocato una partita eccezionale, e il punteggio di 2-4 è meritato. Gli uomini di Míchel hanno mostrato a Barcellona quanto di buono hanno fatto durante la stagione, andando anche oltre. E se i suoi giocatori non hanno un nome, sono estremamente talentuosi: Gazzaniga in porta, Miguel Gutiérrez, Aleix García, Dovbyk... Tutti loro sono protagonisti di questo campionato e Il derby catalano è stato senza dubbio la partita più emozionante da quando il Barça si è trasferito temporaneamente al Montjuïc. 

I blaugrana, che hanno dato ad Araujo una maschera protettiva in stile Osimhen, sono partiti forte chiedendo un rigore per un fallo di mano di Éric García , ma mentre Pedri e De Jong pensavano di dirigere il gioco a loro piacimento, il Girona si è fatto sotto. E lo ha fatto senza preavviso con un attacco ucraino devastante: la sgroppata di Tsygankov lungo la fascia destra si è conclusa con un cross per Dovbyk che ha infilato Iñaki Peña. 0-1.

Cinque minuti dopo è arrivata però la risposta blaugrana. Raphinha ha battuto un calcio d'angolo e Lewandowski ha colpito di testa sul palo più lontano: 1-1 e nono gol stagionale per il polacco, di cui otto in campionato.

I voti dei giocatori in campo
Flashscore

Il Girona non è arrivato però alla Montagna Magica in testa alla classifica per caso. Gli uomini di Míchel nella ripresa sono scesi in campo determinati a far sentire la loro presenza, e così è stato. Miguel Gutiérrez ha avuto la possibilità di riportare il Girona in vantaggio con un tiro che Iñaki Peña ha toccato con le dita e la partita è diventata un botta e risposta. 

Il Barça è andato vicino al gol con due azioni individuali, una di Joao Félix e l'altra di Raphinha, ma gli uomini di Míchel hanno risposto con Sávinho, che ha passato a Miguel Gutiérrez che ha mandato fuori di poco. Gol solo rimandato: poco dopo Miguel avanza e tira di sinistro nell'angolo alto della porta firmando l'1-2.

Nel secondo tempo il Barcellona ha provato a spingersi in attacco ma senza fare male. Prima con Raphinha da calcio di punizione, poi con Gündogan, ma è stato sempre il Girona a rendersi più pericoloso. E a trovare la via del gol: stavolta nasce tutto da un calcio di rinvio di Gazzaniga, Stuani la mette dentro di testa, Valery supera Koundé e batte Peña con un tiro basso: 1-3

Il Girona avrebbe potuto segnare anche un altro gol, ma è stato il Barca ad accorciare le distanze con Gündogan, dopo una mischia in area. Sul 2-3, gli ultimi minuti del recupero sono stati al cardiopalma: Lewandowski ha sfiorato il gol per pochi millimetri, poi in contropiede Stuani ha chiuso la partita sfruttando un grande assist di Savio dalla sinistra.

Le statistiche del match
Stats Perform

Finisce con un 2-4 più che giusto per il Girona, che sta meritando la leadership Liga con due punti di vantaggio sul Real Madrid e sette su Atlético Madrid (con una partita in meno) e Siviglia.