Ten Hag a un bivio: il suo futuro passa da una complicata qualificazione in Champions

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Ten Hag a un bivio: il suo futuro passa da una complicata qualificazione in Champions
Il manager del Manchester United Erik ten Hag è sotto pressione per dare una svolta alla stagione della sua squadra
Il manager del Manchester United Erik ten Hag è sotto pressione per dare una svolta alla stagione della sua squadra
AFP
Il Manchester United continua a raccogliere risultati deludenti. Il futuro di Erik ten Hag è sempre più incerto, complice anche un Rashford che continua a deludere.

Il futuro del Manchester United in questa stagione di Champions League è appeso a un filo prima della visita del Bayern Monaco all'Old Trafford: un'uscita inaspettata in Europa metterà sicuramente sotto esame la posizione di Erik ten Hag sulla panchina dei Red Devils.

L'olandese ha provato a vedere la vittoria sul Chelsea della scorsa settimana come un punto di svolta, ma le speranze di aver raddrizzato una stagione finora da buttare si sono subito arenate, visto che la sconfitta per 3-0 in casa contro il Bournemouth ha fatto toccare un nuovo fondo ai Red Devils in una stagione travagliata.

Il Manchester è ora sesto in Premier League dopo sette sconfitte nelle prime 16 partite.

Se da un lato c'è tempo per recuperare un posto tra le prime quattro a livello nazionale, dall'altro è urgente il loro bisogno in Champions League.

Solo la vittoria contro i campioni di Germania martedì darà allo United qualche possibilità di avanzare agli ottavi e anche in questo caso è necessario che il Copenhagen e il Galatasaray pareggino nell'ultima partita del gruppo A.

Gruppo A di Champions League
Flashscore

Lo United è fortunato ad avere anche solo una possibilità di accedere alle fasi a eliminazione diretta dopo aver ottenuto solo quattro punti nelle prime cinque partite.

Nessuna squadra inglese ha mai subito così tanti gol come gli uomini di Ten Hag in cinque partite dei gironi di Champions League.

"Siamo davvero incoerenti. Abbiamo le capacità per fare bene, ma bisogna farlo ogni partita e ogni tre giorni. Penso che come squadra non siamo abbastanza bravi per essere costanti e dobbiamo lavorare come squadra per migliorare questo aspetto", ha detto Ten Hag dopo che il Bournemouth ha festeggiato in grande stile la prima vittoria di sempre all'Old Trafford.

Il declino di Rashford

Nessun attaccante dello United ha segnato in casa in Premier League in tutta la stagione e il pessimo momento di Marcus Rashford ha contribuito alle difficoltà della squadra.

Rashford è andato a segno 30 volte nella scorsa stagione, in una stagione da record per la sua carriera, ma in questa stagione ne ha segnati solo due, di cui uno dal dischetto.

L'inglese ha esaurito la pazienza di Ten Hag ed è stato escluso dalle ultime due partite.

Rashford, però, potrebbe tornare contro il Bayern, visto che anche i suoi sostituti hanno faticato a brillare.

Marcus Rashford è stato scaricato da Erik ten Hag dopo essere andato a segno solo due volte in questa stagione.
AFP

Alejandro Garnacho ha prodotto sprazzi di brillantezza, anche se rimane estremamente incostante, come ci si può aspettare da un giocatore di 19 anni.

Nel frattempo Antony, che il Ten Hag ha spinto per ingaggiare l'anno scorso per 86 milioni di sterline, non ha segnato nelle sue ultime 25 partite. Il brasiliano è solo uno della lunga lista di costosi flop che hanno visto le fortune dello United declinare nel decennio successivo alla partenza di Alex Ferguson come manager.

La sconfitta dello scorso fine settimana contro il Bournemouth è stata la 35esima casalinga in campionato subita dallo United dal ritiro di Ferguson.

Durante gli iconici 26 anni di panchina del manager scozzese, lo United è stato battuto in campionato all'Old Trafford solo 34 volte.

Il Bayern, pur essendo già sicuro di partecipare agli ottavi come vincitore del girone, ha un punto da dimostrare dopo essere stato sconfitto per 5-1 dall'Eintracht Francoforte sabato scorso.

L'ultima volta che il Bayern ha perso una partita dei gironi di Champions League è stata sei anni fa.

Il capitano dello United Bruno Fernandes ha detto che la sua squadra deve "fare il proprio lavoro" e sperare di essere aiutata dal risultato di Copenaghen.

"Sappiamo che la prossima partita sarà molto dura: dobbiamo vincere e aspettare un buon risultato nell'altra partita. Dobbiamo fare il nostro lavoro, prima di tutto, ma siamo più che in grado di ottenere il risultato", ha detto il portoghese.