La Lazio soffre ma centra i tre punti: con il Celtic Immobile subentrato e decisivo nel finale

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
La Lazio soffre ma centra i tre punti: con il Celtic Immobile subentrato e decisivo nel finale
Ciro Immobile
Ciro Immobile
Profimedia
La sfida è rimasta in bilico per diverso tempo, finché il capitano biancoceleste, subentrato nel secondo tempo, non ha messo a segno la doppietta che ha regalato la vittoria ai suoi.

La Lazio festeggia all'Olimpico e vola, momentaneamente, in testa al Gruppo E: a decidere la vittoria per 2-0 sul Celtic è stata una doppietta di Ciro Immobile nel finale.

Maurizio Sarri si è presentato a un appuntamento cruciale in ottica ottavi con una formazione rivoluzionata, con tanti titolari in panchina, tra cui Ciro Immobile e Pedro

La rivoluzione biancoceleste non è sembrata influenzare il risultato. Poche e prevedibili le offensive dei padroni di casa nel primo tempo, che non si sono tradotte in vere occasioni da gol.

Le statistiche del match
StatsPerform

Cauto anche l'approccio del Celtic, che dopo aver subito nei primi minuti è riuscito a prendere le misure agli uomini di Sarri e a evitare grandi rischi, affidandosi al talento di Furuhashi per provare a scavalcare la difesa avversaria. 

Due le gradi occasioni, una per parte, che però non si sono tradotte in gol. Al 10' è stato Felipe Anderson a provarci per primo, con un colpo di testa finito alto. 

Sette minuti dopo, il giapponese ha sfiorato lo 0-1, superando Provedel, ma trovando il provvidenziale salvataggio sulla linea di Patric a negargli la gioia del gol.

La prima frazione è proseguita senza grandi sussulti e con due squadre caute che hanno preferito accontentarsi di un pareggio a reti bianche prima di rientrare negli spogliatoi.

La sfida si è accesa nel secondo tempo, con entrambe le squadre che hanno cominciato a cercare più di frequente la conclusione in porta.

La prima chance è stata per gli scozzesi, che hanno tentato diverse inclusioni in area affidandosi al solito Furuashi.

La chance più grande per gli ospiti, però, è arrivata al 52', quando in area è piovuta la palla per Yang che, solo sul secondo palo, ha deciso di buttarla in mezzo di testa invece di tentare il tiro. 

Un'intuizione sbagliata che ha rischiato di punire subito il Celtic, visto che il gol sfiorato dagli avversari ha riacceso la Lazio. 

L'occasione più grande di tutta la sfida biancoceleste, infatti, è arrivata allo scoccare dell'ora di gioco. Felipe Anderson ha verticalizzato, servendo una palla al bacio per Isaksen. L'attaccante è provato a chiudere sul secondo palo, ma il tiro ha sfiorato il palo per poi spegnersi sul fondo. 

Appena dopo, Sarri ha deciso di ridisegnare l'attacco, inserendo Pedro e Immobile al posto proprio di Felipe Anderosn e Castellanos.

Nonostante i nuovi innesti, la sfida è proseguita senza grandi sussulti fino all'80', quando gli scozzesi hanno provato il tutto per tutto alzando le linee e cercando un gol importante. 

Nel momento in cui il Celtic ha iniziato a concedere spazi, però, è venuto fuori il meglio di Ciro Immobile, che nell'arco di pochi minuti ha messo a segno la doppietta che ha chiuso la partita.

Sfruttando due assist di Isaksen, l'attaccante ha beffato due volte Hart, prima al 82' e poi all'85', mettendo a sedere la difesa avversaria e mostrando tutto il suo cinismo da grande centravanti, regalando di fatto i tre punti ai suoi. 

Ora la Lazio dovrà attendere la sfida tra Atletico e Feyenoord: in caso di vittoria dei Colchoneros, la qualificazione diventerà matematica.