Il Milan non "balla" e il Dortmund sbanca San Siro 3-1, qualificazione rossonera lontana

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Il Milan non "balla" e il Dortmund sbanca San Siro 3-1, qualificazione rossonera lontana
Olivier Giroud è stato protagonista di una gara sfortunata
Olivier Giroud è stato protagonista di una gara sfortunata
Profimedia
I rossoneri non sono ancora matematicamente eliminati, ma restano ultimi nel girone. Il Dortmund, invece, è già certo del primo posto in classifica.

Il Milan ci ha provato fino alla fine, ma ha perso contro il Borussia Dortmund, che ha sbancato San Siro con una vittoria per 3-1, centrando così la qualificazione agli ottavi e il primo posto matematico nel Girone F. I rossoneri non sono ancora matematicamente eliminati, ma restano ultimi nel girone.

La sfida è stata all'altezza delle aspettative, con tante emozioni da un lato e dall'altro e soprattutto tanti colpi di scena. 

Le statistiche del match
Flashscore

Il primo è arrivato già al settimo minuto, quando, dopo un fallo di mano di Schlotterbeck sulla conclusione di Chukwueze, Olivier Giroud si è presetato sul dischetto. L'attaccante francese, però, ha colpito la palla con poca potenza, fallendo così l'appuntamento con il gol dopo l'intervento vincente del portiere Kobel. 

Un errore che la squadra di Pioli ha pagato caro, visto che tre minuti dopo è toccato a Marco Reus provare a sbloccare la gara dagli undici metri, questa volta dopo un fallo di Calabria su Bynoe-Gittens.

Il tedesco, a differenza del rossonero, non ha fallito il colpo, battendo Maignan e portando i suoi in vantaggio.

I padroni di casa, però, non hanno abbassato i ritmi, continuando a credere nella possibilità di rimonta. L'intensità della squadra è cresciuta minuto dopo minuto, con le azioni pericolose di Adli, Giroud e Pulisic, ma soprattutto  Samuel Chukwueze, alla ricerca del riscatto dalle critiche. 

La sua voglia di gol è stata premiata al 38', quando il nigeriano ha fatto esplodere San Siro firmando l'1-1 con un grande tiro con il mancino, firmando la prima rete con la maglia del Milan.

I sogni del Milan di poter continuare a sperare negli ottavi, però si sono spenti nel secondo tempo. 

Pur riapprocciando la gara con coraggio e tanta intensità, i rossoneri hanno dovuto fare i conti contro un Dortmund che ha avuto più fortuna nelle conclusioni. 

Se, infatti, la rovesciata di Pulisic e il colpo di testa di Giroud si sono spente sul fondo nella prima parte della ripresa, i gialloneri non hanno fallito l'appuntamento con il gol. 

Al 59' è stato Gittens a segnare il gol del 2-1, sfruttando un'azione che si è trascinata fino a dentro l'area di rigore per concludere in porta con forza, incontrando i guantoni di Maignan che però non è riuscito a fermare la palla. 

Il gol del raddoppio dei tedeschi, inizialmente, non ha spento l'entusiasmo del Milan, che però con lo scorrere delle lancette è mancato sempre più in fase difensiva. 

Dieci minuti più tardi, è stata ancora una volta sulla fascia sinistra a lanciare Adeyemi, che ha scagliato la palla in porta, incontrando di nuovo la deviazione di Maignan che, proprio come nel caso del 2-1, non è stata sufficiente a evitare la rete del 3-1, convalidata dalla goal line technology.

Dopo i due gol di vantaggio, il Dortmund ha provato a spegnere la partita. Il Milan ha continuato a provare di riaprire la gara, ma questa volta più frammentariamente, con evidentemente meno fiducia rispetto ai minuti precedenti. 

All'85', Luka Jovic, subentrato nel secondo tempo, ha sfiorato la rete che avrebbe potuto cambiare il destino del match, stampando però la palla sul palo.

A peggiorare le cose per la squadra di Pioli è stato l'infortunio di Thiaw nel secondo tempo, sostituito da Krunic, che si aggiunge alla lunga lista di infortunati in casa rossonera.