Pericolo neve per il calcio? La Danimarca non la teme, la Bundesliga sa come fare, problemi per cechi e polacchi

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Pericolo neve per il calcio? La Danimarca non la teme, la Bundesliga sa come fare, problemi per cechi e polacchi
Lo stadio Ullevaal di Oslo, in Norvegia, sotto una coltre di neve.
Lo stadio Ullevaal di Oslo, in Norvegia, sotto una coltre di neve.
Profimedia
Nel campionato di calcio ceco, nel fine settimana, si sono disputate solo due delle otto partite in programma. La calamità della neve che ha colpito l'intero Paese ha mostrato anche la debolezza dell'attuale massima competizione. Non si trattava solo del fatto che alcuni stadi sono semplicemente indifesi contro i capricci del tempo. Il problema è stato anche una visibile disarmonia nella comunicazione. Un'indagine di Livesport News mostra come vengono risolti problemi simili nei Paesi vicini e nel Nord Europa.

Come si sono comportati i Paesi vicini? In Germania, solo una partita della Bundesliga è stata rinviata, mentre il Bayern Monaco e l'Union Berlin hanno fatto un gran parlare di sé sui social media e hanno divulgato i loro progetti invece di preoccuparsi. Nella vicina Slovacchia e anche in Austria, tutto si è svolto secondo il programma originale. Solo la Polonia ha avuto problemi. Nel nord della Danimarca, ad esempio, i calciatori hanno fatto quello che dovevano fare nonostante il tempo.

Nella massima competizione ceca si è giocato solo a Olomouc e Pardubice, dove gli organizzatori meritano un elogio. Negli altri stadi, o non si è giocato affatto o (nel caso del derby della Moravia tra Olomouc e Slovácko) entrambi gli allenatori hanno convenuto che non aveva senso iniziare la partita. Il Sigma è furioso per il fatto che il manto erboso sia stato distrutto dopo la partita e che uno dei giocatori si sia infortunato durante il riscaldamento. In altri stadi, i delegati non hanno permesso ai giocatori di entrare in campo. Ma alcune squadre hanno viaggiato per centinaia di chilometri attraverso il Paese.

Il Karviná si è recato a Nymburk, dove ha trascorso la notte, ma non è andato a Mlada Boleslav il giorno successivo. Lo Slavia si è recato a Zlín, ma è tornato indietro senza risultati. Il Plzeň si è diretto a Ostrava direttamente dall'Albania, dove stava disputando una partita di Coppa Europa, e dopo una sosta in Slesia, dove si è allenato due volte, è tornato a casa. La situazione ha causato un forte malumore tra il capo dello Slavia Jaroslav Tvrdík e la Lega Calcio.

Tra gli appassionati di calcio risuona la voce che il campionato non dovrebbe essere disputato a dicembre. E che si dovrebbe sfruttare di più il bel tempo di luglio, quando le condizioni per il calcio sono quasi ideali. Lo statistico Roman Jašek ricorda che da tempo immemorabile il campionato in Repubblica Ceca si gioca molto più spesso a dicembre che a luglio. "Attualmente, l'intera opinione pubblica dice che il calcio non dovrebbe essere giocato a dicembre. Sapete quante partite di campionato sono state giocate a dicembre? Sono state 627 e solo 309 a luglio", sottolinea Jašek, facendo riferimento alle regole consolidate da tempo.

Perché non giocare in primavera-autunno?

Nel Nord Europa si cerca di evitare complicazioni praticando il sistema primavera-autunno. Norvegia, Svezia e Finlandia annunciano i loro campioni in ottobre o novembre. L'Allsvenskan svedese si gioca praticamente ogni settimana a luglio e la pausa dura solo tre settimane a giugno. Anche l'ex campionato cecoslovacco ricorda anni in cui iniziava a marzo e terminava a novembre, ma l'ultima volta fu nel 1956.

"Nei miei nove anni in Svezia non mi sono mai trovato nella situazione che sta vivendo il campionato ceco. Non c'è mai stata una tale calamità, nemmeno in inverno quando ci stavamo preparando. Ma ovviamente è perché l'Allsvenskan inizia ad aprile e finisce a metà novembre. Anche a Sundsvall, che è la più alta, non c'è mai stata così tanta neve da non poterla preparare e sgomberare. Ma avevano anche l'erba artificiale", ha dichiarato a Livesport News l'ex portiere Dušan Melichárek, che ha trascorso gran parte della sua carriera a Malmö.

Dušan Melichárek
Profimedia

Come la Repubblica Ceca, anche il campionato danese ha dovuto affrontare il maltempo negli ultimi giorni. Anche in questo caso, la situazione non è stata così disperata come nella Repubblica Ceca. "La maggior parte dello Jutland è coperta letteralmente di neve, ma non ci sono stati problemi durante il fine settimana. In realtà, non ci sono problemi da tempo a causa del tempo. A causa dei cambiamenti climatici, non nevica più così tanto e questa stagione è un'eccezione", afferma Svend Frandsen, redattore di Livesport News Denmark.

I danesi giocano con un sistema autunno-primavera. "Nella storia non si è mai discusso sul fatto che dovrebbe essere diverso. Forse ha a che fare con il fatto che i danesi sono più vicini all'Inghilterra che alla Svezia e alla Norvegia in termini di calcio, quindi l'approccio nordico non interessa affatto al movimento calcistico", aggiunge. Quando in Danimarca cade la neve, gli organizzatori sono sempre pronti.

Tutti i club hanno campi riscaldati e migliorano costantemente la cura del manto erboso. "C'è solo una squadra nel campionato danese che ha l'erba artificiale (l'FC Nordsjälland - ndr) e viene piuttosto criticata perché i tifosi non la trovano regolare. I tifosi dello Sparta possono aver visto i problemi del campo a Copenhagen quando la loro squadra ha giocato il turno preliminare di Champions League, ma non è stato a causa del tempo, bensì dei numerosi concerti che si tengono allo stadio Parken", spiega Frandsen.

In Polonia non ci sono state partite

Problemi anche in Polonia, come per il campionato ceco. Non solo l'Ekstraklasa, ma anche le competizioni minori sono proseguite a dicembre. Nella massima serie, una partita è stata rinviata e una non è stata giocata perché ha iniziato a nevicare durante la partita. In seconda divisione, quattro partite non sono iniziate e in terza divisione sei partite. "Non si è giocato dove le condizioni erano davvero pessime, ma ad esempio il Lech Poznan ha fatto apertamente appello affinché la sua partita sul campo del Korona Kielce venisse giocata in un altro momento. Alla fine, però, i tre punti guadagnati hanno superato le altre critiche", racconta Michal Karas dell'edizione polacca di Livesport Zprav a proposito degli eventi nel paese dei vicini settentrionali.

Si dice che il Paese, che ha ospitato Euro 2012, non abbia problemi con la qualità dei campi da gioco. "Ci sono ancora due turni da giocare a dicembre e non c'è alcuna indicazione che questo non accadrà. In Polonia non si è mai parlato di passare a un sistema primaverile-autunnale a causa del clima", ha detto Karas, aggiungendo che l'ultima partita del campionato Ekstraklasa è prevista per il 20 dicembre.

I club calcistici di tutta Europa sanno che è una questione di atteggiamento, attitudine e comunicazione, ma a volte anche con la massima volontà contro i capricci del tempo non si hanno possibilità. "Credo che nessuno in Repubblica Ceca, a parte lo Sparta, lo Slavia e il Plzen, abbia la capacità di tenere il campo riscaldato 24 ore su 24 in modo che la neve non vi si attacchi nemmeno", pensa Dušan Melichárek. Nel mondo si dà molto peso agli specialisti dei prati. "In  Inghilterra, ad esempio, queste persone sono importanti quasi quanto gli allenatori dei club, la loro parola ha molto peso, la qualità dell'erba è molto importante", dice Frandsen.

Anche in questo caso, i campi vengono lavorati molto durante l'inverno. Nella Repubblica Ceca, il campionato continua mercoledì, con due spareggi a Jablonec e Mladá Boleslav. Anche se non nevica più tanto, il gelo non sparirà e resta da vedere se le partite si giocheranno.