MotoGp: nei test di Sepang vola Bagnaia, è record della pista

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
MotoGp: nei test di Sepang vola Bagnaia, è record della pista
Aggiornato
Pecco Bagnaia in pista per i test a Sepang
Pecco Bagnaia in pista per i test a Sepang
AFP
Il campione del mondo Ducati a metà giornata è davanti a Martin e Bastianini. E Davide Brivio torna in MotoGP: è il nuovo team principal di Aprilia Trackhouse.

Francesco Bagnaia guida la classifica dei tempi sulla pista di Sepang, nel terzo e ultimo giorno di test in vista del via del mondiale della MotoGP. Il campione della Ducati a metà giornata ha firmato il nuovo record del circuito malese in 1'56"682. Secondo tempo (+0.172) per lo spagnolo Jorge Martin, che ha approvato la moto della stagione.

"La nuova Ducati ha un gran potenziale, la GP24 è forte, il team ha fatto un grande lavoro durante l'inverno", ha detto il pilota spagnolo. Terzo crono per l'altra Ducati ufficiale di Enea Bastianini, il più veloce ieri. Intanto Davide Brivio torna in MotoGP: è il nuovo team principal di Aprilia Trackhouse.

Bagnaia: "La Ducati 2024 è migliorata tanto"

"Questo tempo è la conseguenza del lavoro fatto, molte delle novità che abbiamo provato hanno funzionato. Andiamo via da qui con un'ottima base per riprendere il lavoro in Qatar" ha detto un sorridente Francesco Bagnaia, autore del record della pista nell'ultimo giorno dei test a Sepang. "Sul motore qualcosa si può ancora migliorare - ha aggiunto il ducatista - ma la nuova moto in generale è migliorata tanto, soprattutto in frenata". Poi sugli avversari: "Martin è veloce, Bastianini è carico dopo un anno difficile, ma siamo in tanti. Marquez? Non ci metterà molto ad arrivare davanti".

Bastianini pronto a divertirsi

"Quest'anno ci sarà da divertirsi, non sarà solo una lotta a tre tra me, Pecco e Martin". È la sensazione espressa da Bastianini al termine dei tre giorni di test a Sepang, in cui il pilota della Ducati ufficiale è stato tra i più veloci.

"Sono più soddisfatto quest'anno, è stato più semplice lavorare con persone che già conoscevo. Siamo già pronti anche se si può sempre migliorare: gli ingegneri analizzeranno bene i dati per arrivare in Qatar più performanti dal punto di vista dell'erogazione, unico punto su cui devo lavorare. Per il resto la moto 2024 sembra molto buona".

Marini soddisfatto a metà

Luca Marini, dalla sia, ha raccontato le prime impressioni al termine dei test in Malesia, che ha affrontato come pilota della Honda ufficiale: "La moto è migliorata tanto in questi ultimi giorni, Mir ha fatto un ottimo tempo in 57.3. Ma Honda è molto diversa da guidare rispetto alla Ducati, io mi devo ancora adattare e dobbiamo ancora lavorare sul setting e sul turning: non riesco a far girare bene la moto nella fase di inserimento. Però abbiamo capito la direzione in cui andare e in Qatar proveremo nuove cose".