Cellino dichiara guerra a Radrizzani: "In debito con me, azioni legali contro la Samp"

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Cellino dichiara guerra a Radrizzani: "In debito con me, azioni legali contro la Samp"
Cellino
Cellino
Profimedia
Secondo il patron del Brescia, il numero uno della Sampdoria dovrebbe ancora pagare un debito risalente ai tempi del Leeds.

Dopo la battaglia per riammettere il Brescia in Serie B, c'è ancora aria di guerra in casa Rondinelle. 

Più nello specifico, sponda Massimo Cellino, che questa volta torna all'attacco contro Radrizzani, che secondo quanto dichiarato dal numero uno del club bresciano, non avrebbe adempiuto a un debito nei suoi confronti.

"Radrizzani ha acquisito la Sampdoria mettendo come garanzia lo stadio del Leeds, che però aveva ottenuto grazie a un mio prestito di 9,6 milioni di sterline, denaro che dovrebbe essere restituito a rate annuali" ha spiegato Cellino.

"Il finanziamento scade nel 2026, con oltre un milione di euro all'anno da versare alla mia società che possiede le quote del Brescia. Anche in passato non c'è stata puntualità nei pagamenti, e ora la rata del 2023 è scaduta il 31 agosto. Ho cercato di contattare Radrizzani, ma non ho ricevuto risposte. Questi fondi sono fondamentali per il mio Brescia" ha aggiunto il patron delle Rondinelle.

"Devo proteggere i miei interessi e quelli del Brescia, e per questo i miei legali stanno esaminando se sia possibile intraprendere azioni legali contro le azioni della Sampdoria, sempre che siano intestate a lui" ha poi concluso.