Polemiche dopo Inter-Atalanta, Gasperini: "Partita anomala"

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Percassi furioso con l'arbitro, Gasperini: "Partita anomala, ma non pensiamo negativo"
Gian Piero Gasperini
Gian Piero Gasperini
AFP
Il tecnico e il presidente dell'Atalanta sono intervenuti dopo la sconfitta contro l'Inter.

Una sconfitta pesante, quella subita dall'Atalanta di Gian Piero Gasperini, che dopo il 4-0 dell'Inter dovrà affrontare il Bologna in una sfida decisiva per l'Europa.

"La partita è degenerata dopo il terzo gol, poi è stato più un allenamento. Ho avuto la sensazione che stiamo bene, che siamo pronti a giocare le prossime partite. Nella prima parte abbiamo fatto bene contro un'Inter molto forte, un risultato così lascia perplessi chi non ha visto la partita ma siamo pronti per le prossime", ha commentato il tecnico della Dea.

"Perché anomala e strana? È una sensazione che ho avuto io, magari l'ho avuta solo io. Degli episodi di regolamento ne parlo quando vinco", ha aggiunto, non volendo commentare gli episodi arbitrali. 

Le statistiche
StatsPerform

"Non è questo il risultato e il tipo di partita che ci può intaccare moralmente, visto quello che abbiamo fatto finché c'è stata partita. È stata una partita molto anomala e molto strana, ora non c'è tempo di pensare in negativo e pensiamo alla prossima. Siamo carichi e pronti, ripartiamo", ha spiegato ancora Gasp. 

Ora, testa alla lotta la qualificazione in Champions: "Noi siamo dentro tute le competizioni, almeno per quelli che sono i nostri traguardi. Siamo a due punti dal Bologna e domenica abbiamo lo scontro diretto. È chiaro che adesso, di qui in avanti, le partite diventano sempre più decisive ma noi dobbiamo essere sempre molto soddisfatti. Poi capitano partite di questa sera e devi essere pronto ad archiviarle, prendendo l'aspetto buono. Non abbiamo tempo per spendere energie in altre cose".

"Siamo lì noi e il Bologna con Roma, Lazio, Napoli, Fiorentina, forse anche il Torino. Il Milan? Beh, è più avanti, parlo solo di quelle che sono molto molto vicine. È una bella lotta, una bella battaglia: competiamo con piazze molto importanti. L'Europa sappiamo che è per alcune squadre un aspetto fondamentale, per noi è il massimo dei traguardi", ha aggiunto.

Percassi: "Errori gravissimi dell'arbitro"

"Commentare una partita così è molto difficile. Senza dubbio avevamo di fronte una grandissima squadra, complimenti a loro che meritano di essere primi, hanno dimostrato la qualità che hanno. Dispiace per il risultato, gli episodi sono stati determinanti. Sono stati fatti errori gravissimi dall'arbitro e dal VAR", ha commentato, invece, il numero uno dell'Atalanta, Luca Percassi. 

"Penso al primo gol annullato, incomprensibile come sia stato annullato nonostante le telecamere. Nel caso di annullamento del gol, c'era il rigore su Miranchuk. E il rigore convalidato è scandaloso, sono passati 6-7 minuti per cercare un qualcosa che nessuno aveva visto, on un guardalinee che aveva alzato la bandierina", ha spiegato. 

Poi ha proseguito: "Siamo profondamente dispiaciuti, una partita bellissima che però è stata pesantemente condizionata da episodi arbitrali, hanno condizionato in un senso dilagante la partita. Non c'è tocco, è Bastoni che va contro Miranchuk, nel caso è rigore. La palla la tocca Bastoni, non interpretiamo immagini che sono chiarissime. L'Inter è la migliore della classe ma la partita è condizionata".