Gilardino esulta per il trionfo: "Abbiamo saputo soffrire, tre punti importantissimi"

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Gilardino esulta per il trionfo: "Abbiamo saputo soffrire, tre punti importantissimi"
Alberto Gilardino
Alberto Gilardino
AFP
Il tecnico genoano risalta come il successo sul Verona sia fondamentale per andare avanti

Intervenuto in conferenza stampa dopo la vittoria per 1-0 del suo Genoa sul Verona, Alberto Gilardino ha voluto sottolineare come stavolta al Grifone abbia sorriso il risultato, nonostante una prestazione non perfetta. L'allenatore rossoblu è stato chiaro: Abbiamo giocato altre volte meglio ma non abbiamo portato a casa punti. Stasera sono tre punti fondamentali. Era una partita dal coefficiente di difficoltà altissimo, abbiamo saputo lavorare nella gara giocando sulle seconde palle, cercando di creare i presupposti per far gol e dopo la rete abbiamo avuto tre occasioni nitide".

Il pregio dei suoi giocatori, per Gilardino, è stato uno: "Abbiamo saputo soffrire. Ci sono state tante partite e siamo stati bravi a giocarle nella maniera giusta".

Non solo Dragusin

Gilardino non ha voluto esaltare solo l'autore del gol, quel Radu Dragusin il cui primo gol in rossoblu ha regalato una vittoria fondamentale, bensì il gruppo: "Bene lui, ma bene tutta la squadra. Era difficile per la difesa giocare contro Djuric, hanno fatto bene a centrocampo, bene Ekuban e Albert. Chi è entrato ha dato il suo apporto e quando fai prestazioni del genere i punti arrivano".

L'allenatore genoano, che deve fare i conti con una serie di infortunati, ha voluto quindi fare un elogio globale ai calciatori scesi in campo oggi: "Stasera a livello di giocatori, c'era la stessa squadra dell'anno scorso. C'è da fare un grande applauso. Dopo la continuità della squadra questa squadra ha saputo svoltare. Merito della squadra per la costanza che ci mettono".

Infine, un segnale di complicità con il tifo di Marassi, anche stasera molto vicino alla squadra: "Il nostro popolo è stato strepitoso stasera. Ne avevamo bisogno perché sapevamo quanto contava far punti stasera. Abbiamo sempre bisogno del loro apporto. In casa c'è sempre qualcosa di magico, la bravura nostra è trovare quella costanza anche fuori casa".