Cinque mesi in Arabia Saudita, il bilancio: il clamore di Ronaldo e il vuoto della grande città

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Cinque mesi in Arabia Saudita, il bilancio: il clamore di Ronaldo e il vuoto della grande città
Cristiano Ronaldo e l'Al-Nassr attirano i tifosi - altrove in Arabia Saudita gli stadi restano vuoti.
Cristiano Ronaldo e l'Al-Nassr attirano i tifosi - altrove in Arabia Saudita gli stadi restano vuoti.
Reuters
Cristiano Ronaldo ha aperto la strada e molti top player dei principali campionati europei hanno seguito le sue orme. L'offensiva dei trasferimenti della Saudi Pro League è stata la sensazione calcistica dell'estate e ha indubbiamente dato una svolta al mercato. A quasi cinque mesi dall'inizio del periodo di trasferimenti più spettacolare di tutti i tempi, è tempo di fare un bilancio. Diamo uno sguardo alle stelle e a coloro che giocano lontano dalle luci della ribalta.

Odion Ighalo ne ha viste tante. Il nigeriano ha debuttato nella prima divisione del suo Paese all'età di 15 anni, poi si è avventurato in Europa a 18 anni e si è fatto strada nei maggiori campionati del mondo passando per la Norvegia. Ha lasciato il segno in Serie A, nella Liga e ha persino realizzato il sogno di giocare per il suo club preferito, il Manchester United. Ora gioca nel paese del boom calcistico per eccellenza, l'Arabia Saudita.

Si può dire che il 34enne sia una sorta di pioniere. Si è trasferito nello Stato desertico nel 2021, molto prima che un certo Cristiano Ronaldo stupisse il mondo con il suo trasferimento all'Al-Nassr nel gennaio 2023. Da allora, stelle come Neymar, Karim Benzema, Riyad Mahrez, Ruben Neves e Sadio Mane lo hanno seguito nel regno. In totale, i club della Saudi Pro League hanno investito quasi 950 milioni di euro in un'estate - molto più della Bundesliga o della Serie A, per esempio.

È interessante notare che quattro club sono responsabili di una spesa totale di 825 milioni di euro. L'Al-Wahda, il club di Ighalo, non è tra questi: con un investimento di 1,25 milioni di euro in estate, è stato parsimonioso e ha messo sul piatto solo una tassa di trasferimento per il 31enne marocchino Jawad El Yamiq. Il club proveniente dal luogo di pellegrinaggio della Mecca non può offrire l'attrazione delle grandi stelle.

L'euforia degli spettatori è di conseguenza scarsa. Il giorno 14, per la partita casalinga dell'Al-Wahda contro l'Al-Khaleej, si sono presentati solo 447 tifosi, nonostante il tentacolare Stadio Re Abdul Aziz abbia una capacità di 38.000 posti. Chi non era presente non solo si è perso la vittoria per 3-1 in casa dell'attuale nona squadra, ma anche la tripletta dell'ex campione Ighalo.

Saudi Pro League: Top 4 - e poi niente per molto tempo

Il destino dell'Al-Wahda è il simbolo di un campionato diviso. Al di fuori delle "top four", l'affluenza media è di 4.600 tifosi (persino la stella Steven Gerrard ha dovuto giocare di recente davanti a meno di 700 spettatori con il suo club Al-Ettifaq ), un numero grosso modo paragonabile a quello della prima lega ungherese e ben al di sotto della media della classe elitaria rumena. I quattro club più popolari, invece, hanno una media di presenze ben superiore ai 20.000 spettatori a partita, una cifra quasi pari a quella della Ligue 1 francese.

È interessante notare che la media complessiva del campionato è rimasta sostanzialmente stabile rispetto agli anni precedenti. Con circa 8.800 persone, è più o meno alla pari con la stagione precedente; nella stagione 2021/22 - e quindi molto prima dell'arrivo di Ronaldo & Co. - una media di oltre 10.000 persone ha addirittura assistito alle partite della Saudi Pro League. In un Paese con oltre 35 milioni di abitanti, che il presidente della FIFA Gianni Infantino ha recentemente definito "pazzo per il calcio", c'è ancora margine di miglioramento.

Ciò è dovuto anche al fatto che il campionato vuole essere strategicamente interessante non solo per i propri connazionali, ma anche per il mercato internazionale. Nell'ambito dell'offensiva sportiva globale - definita negativamente "sportswashing" - l'Arabia Saudita vuole conquistare anche i tifosi europei e per questo ha distribuito gli orari di inizio del campionato nei giorni in cui il calcio europeo è meno presente: le partite del giovedì e del venerdì alle 18.00 ora locale, ad esempio, fanno parte della normale giornata di gare.

Torniamo al campionato a due livelli: i grandi nomi portano grandi introiti, ma fanno gol? Se guardiamo alle statistiche, CR7 svetta su tutti gli altri, come ha sempre fatto nella sua carriera. I suoi 15 gol e 7 assist sono le cifre migliori del campionato. Seguono anche i costosi nuovi arrivi Aleksandar Mitrovic, Malcom e Karim Benzema. Compaiono solo nomi piuttosto sconosciuti in questo Paese, come Mourad Batna o Firas Al-Buraikan.

Benzema entusiasta, Jota scartato

Insieme, forniscono un livello di calcio che ha impressionato il francese Benzema dopo il suo trasferimento dal Real Madrid all'inizio di luglio. "Qui c'è molta passione e sono contento del livello di gioco. Sono davvero sorpreso dal livello dell'Arabia Saudita, perché in Europa non si vedevano molte partite di questo calcio. Ora sono ovunque".

Jota, il nuovo acquisto da 29 milioni dell'Al-Ittihad, ha scoperto come possono funzionare le cose. Il dribblatore portoghese è arrivato nel Regno Unito dal Celtic Glasgow in estate, ma poche settimane dopo gli è stato comunicato che era stato rimosso dalla lista di registrazione per il campionato a causa del numero eccessivo di stranieri in squadra. L'ultima apparizione del 24enne in Lega Pro risale al 1° settembre e gli è stato permesso di giocare solo in AFC Champions League. Nel frattempo, sta flirtando con un ritorno al Celtic o con un trasferimento in Inghilterra.

In ogni caso, i trasferimenti di stelle in Arabia Saudita dovrebbero essere un ricordo del passato, se Michael Emenalo ha la sua strada. L'ex direttore tecnico del Chelsea FC lavora ora per la Saudi Pro League. Più precisamente, lavora per il Player Acquisition Centre for Excellence (PACE), responsabile del reclutamento dei giocatori per tutti i club. Per lui l'ingaggio di giocatori costosi dall'Europa è solo il primo passo di una strategia a lungo termine.

"Spero che non succeda molto nella finestra di trasferimento di gennaio, perché credo che il lavoro svolto sia stato buono. La maggior parte dei club ha ciò di cui ha bisogno", ha dichiarato il 58enne."Speriamo che ora l'attenzione si rivolga al lavoro nelle strutture di allenamento per migliorare questi giocatori e dare loro il tempo di adattarsi e di esibirsi".

La Cina come esempio di avvertimento

Il declino del campionato cinese, un tempo super-ricco, dimostra che è necessaria una strategia a lungo termine. Nel biennio 2016-2018, la CSL ha acquistato tutto ciò che non era a tre punte e si è scrollata di dosso il resto. Ma quello che è successo dopo non è stato concordato. Lo Stato ha voluto una fetta della torta, ha aumentato le tasse per i club e ha introdotto un tetto salariale, il che significa che le somme elevate per i trasferimenti non erano più utili e gli stipendi elevati non erano più possibili. Gradualmente, le stelle hanno abbandonato la nave e molti dei club che si erano distinti all'epoca non esistono più.

All'epoca c'era anche Odion Ighalo: ha giocato prima per il Changchun Yatai, poi per lo Shanghai Shenhua e ha fatto il salto poco prima della pandemia di coronavirus - e quindi anche prima che la bolla del calcio in Cina implodesse. L'uomo che si è fatto strada dalle circostanze più difficili, da adolescente nella capitale nigeriana Lagos, ha il fiuto per le apparizioni lucrative. Sarà interessante vedere in quale direzione si svilupperà quella in Arabia Saudita.