Mou ancora polemico, parla in portoghese e attacca: "Per ricevere fair play bisogna darlo"

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Mou ancora polemico, parla in portoghese e attacca: "Per ricevere fair play bisogna darlo"
Aggiornato
Mou ancora polemico, parla in portoghese e attacca: "Per ricevere fair-play bisogna darlo"
Mou ancora polemico, parla in portoghese e attacca: "Per ricevere fair-play bisogna darlo"
Profimedia
Il tecnico ha scelto di utilizzare la lingua madre perché "il mio italiano non è sufficientemente forbito e forte per esprimere certi concetti".

Dopo le polemiche della vigilia di Sassuolo-Roma, con le accuse pesanti di Jose Mourinho contro l'arbitro della gara e Berardi, il tecnico della Roma ha spiazzato nuovamente tutti.

Lo "SpeciaOne"si è presentato nel post partita della gara del MAPEI rispondendo alle domande in lingua portoghese: "Parlo portoghese perché il mio italiano non è sufficientemente forbito e forte per esprimere certi concetti, quando ho parlato di stabilità emotiva ho parlato di una qualità che nella vita e nel calcio è necessaria per rendere ai massimi livelli", ha detto Mourino.

"Rispetto a ciò che ha destato malumore tra i tifosi e i tesserati del Sassuolo quando non abbiamo restituito un pallone - ha continuato -  ho detto alla panchina del Sassuolo che per ricevere fair-play bisogna darlo e un giocatore del Sassuolo è carente in ciò".

Quasi niente da dire sulla partita, ma solo sul trattamento ricevuto dai dirigenti giallorossi: "Voglio ringraziare la proprietà e il direttore Pinto che nelle ultime 24 ore mi hanno dato sostegno e fiducia. Quella di oggi è stata una vittoria importante, sofferta e meritata. Anche sull'1-0 la nostra era la migliore squadra in campo. Voglio spendere una parola per Foti, che oggi era fuori ma ha lavorato tantissimo per questa vittoria".

La replica di Dionisi

Dichiarazioni che hanno procurato la reazione stizzita di Dionisi che ha replicato a muso duro: "Se c'è una squadra che ha fair play questa è il Sassuolo, a differenza della Roma".