Genoa con il Cagliari in emergenza, Gilardino: "In campo con il fuoco dentro"

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
Genoa con il Cagliari in emergenza, Gilardino: "In campo con il fuoco dentro"
Calcio: Genoa; Gilardino a Cagliari 'con il fuoco dentro'
Calcio: Genoa; Gilardino a Cagliari 'con il fuoco dentro'
Profimedia
Il tecnico dei liguri alla vigilia della sfida con i sardi ha parlato dei problemi di formazione: "Ho tanti assenti e alcuni acciaccati da valutare".

Acciaccati ma con il fuoco dentro. Così Alberto Gilardino presenta il suo Genoa alla vigilia della delicata trasferta di Cagliari, scontro diretto per la salvezza. Gara alla quale il Grifone arriva dopo il successo in campionato sulla Salernitana e in Coppa Italia sulla Reggiana.

"Dobbiamo essere bravi a volare sulle ali dell'entusiasmo che le due vittorie ci hanno portato. Dobbiamo avere il fuoco dentro per incontrare questa squadra, solo con queste motivazioni e con questa mentalità possiamo uscire da Cagliari con un risultato positivo" ha detto il tecnico.

Emergenza attacco

Gilardino dovrà fare a meno degli infortunati Retegui, Messias e Jagiello oltre allo squalificato Bani. Senza contare gli strascichi della sfida di Coppa di mercoledì.

"Dovrò fare delle valutazioni soprattutto in attacco - ha spiegato - e ci potranno essere delle scelte forzate in vista della partita di domani ma vedrò solo al termine della rifinitura. Sono convinto però che chi scenderà in campo darà tutto come è sempre stato. E so che posso contare sui ragazzi".

Di fronte un Cagliari a sua volta reduce da due vittorie, proprio come il Genoa. "Domani ci aspetta una partita molto difficile, incontriamo una squadra che ha riacceso la fiammella dell'entusiasmo e sono stati molto bravi nelle ultime due sfide. Hanno una squadra costruita bene con tante scelte basti pensare agli attaccanti Pavoletti, Petagna, Lapadula e Shomurodov, ma la lista è lunga anche negli altri reparti dove hanno giocatori d'esperienza. Andare a Cagliari non è mai semplice".

A trascinare il Grifone ancora una volta sarà Gudmundsson che sta vivendo il suo momento migliore. "È un giocatore che può cambiare l'inerzia della partita ma deve essere sempre dentro la gara e accendersi subito. La bravura della squadra deve essere anche quella di metterlo nelle condizioni migliori per potersi accendere".