I sauditi continuano a investire nel calcio: il piano del governo per lo sport

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Di più
I sauditi continuano a investire nel calcio: il piano del governo per lo sport
Cristiano Ronaldo alla presentazione dell'Al-Nassr
Cristiano Ronaldo alla presentazione dell'Al-Nassr
Profimedia
I petroldollari dell'Arabia Saudita hanno attirato l'attenzione del mondo del calcio per decenni. Ma soprattutto in questa finestra di trasferimenti, non solo il movimento ma anche la spavalderia dei nomi che vengono ingaggiati hanno suscitato uno sguardo diverso.

Dopo Cristiano Ronaldo nel 2022, che è passato all'Al-Nassr, nomi di spicco come Benzema, Firmino, Koulibaly e Kanté hanno confermato la loro presenza nella prossima edizione del campionato saudita.

Messi è un ambasciatore del turismo per il Paese, che lo ha quasi avuto nel suo campionato. L'argentino ha preferito andare all'Inter Miami della Major League Soccer (MLS) negli Stati Uniti e ringraziare l'offerta di 400 milioni di euro all'anno arrivata dall'Al-Hilal.

L'idea del governo locale è di attirare l'attenzione sul progetto "Vision 2030", che va oltre il calcio, ma coinvolge tutto il mondo dello sport.

Il Paese ospiterà la Coppa d'Asia AFC del 2027, la prossima edizione della Coppa del Mondo per Club FIFA e i Giochi invernali del 2029. Neom, come si chiamerà la città ospitante, dovrà essere costruita entro il 2026.

I sauditi sono anche in lizza per la candidatura ai Mondiali del 2030, anche se la concorrenza di Spagna, Portogallo e Ucraina è stata superiore.

La scorsa stagione, le Supercoppe di Spagna e Italia sono state ospitate in Arabia.

Benzema durante la firma con l'Al-Ittihad
Al-Ittihad

Sviluppo e nuovo livello

Al di fuori del calcio, c'è il progetto di una nazione che vuole essere nella lista dei riferimenti globali in vari settori.

Il miglioramento della qualità della vita riceve un'attenzione importante in questo contesto, così come la formazione dei professionisti e lo sviluppo delle industrie nazionali.

Ospitare eventi internazionali può fare la differenza per lo sviluppo del Paese in termini di sport, cultura e intrattenimento.

Non c'è dubbio che, in breve tempo, l'Arabia Saudita acquisterà ancora più importanza sulla scena internazionale, pur avendo un territorio piccolo e circa 35 milioni di abitanti.

CR7 sarà affiancato da altre stelle del calcio saudita
Profimedia

"Le città vengono costruite, l'accesso e l'apertura sono maggiori. Quello che mi colpisce ora è l'interesse che hanno i nomi con un grande mercato in Europa a giocare in Arabia Saudita. In un'altra epoca, pensavano di essere fuori dal radar delle squadre nazionali e di avere un contratto migliore in Europa. Ma i giocatori di livello da Champions League preferiscono giocare nel campionato saudita.

"L'immagine che viene venduta è molto positiva. È evidente l'apertura del Paese, sono proposte allettanti per giocare in un campionato forte, con un'evoluzione sotto tutti i punti di vista", dice Claudio Prates, assistente allenatore dell'Al Taawoun Club, un club che ha lottato in cima alla classifica la scorsa stagione.

Claudio lavora al fianco dell'allenatore brasiliano Pericles Chamusca, che sta vivendo la sua sesta stagione nel calcio locale.

Pericle Chamusca parte per la sua sesta stagione nel calcio saudita
Divulgação

Un quartetto forte e un governo incoraggiante

I grandi nomi sono concentrati nelle quattro squadre più forti (Al-Nassr, Al-Ahli, Al-Hilal e Al-Ittihad), ma anche le meno blasonate fanno la loro parte. Anche l'Al-Ettifaq, con l'inglese Steven Gerrard come allenatore, sta cercando di attirare l'attenzione.

Il governo locale ha un'influenza diretta sul valore economico delle squadre. Lo scorso 5 giugno, il Fondo di investimento pubblico (PIF) del Paese ha confermato che acquisirà il 75% dei diritti dei quattro club più importanti.

I tifosi arabi si troveranno di fronte a stelle internazionali nella prossima stagione
Profimedia

"L'Arabia Saudita sta sfruttando il calcio per cercare di cambiare la percezione che il mondo ha della nazione e quindi attirare persone, eventi e aziende da tutto il mondo. Ogni club ha una propria organizzazione amministrativa e finanziaria. Tuttavia, si affidano anche all'aiuto finanziario del governo", commenta Flávio Vianna, agente di calcio dal 2013.

"I club hanno il loro budget annuale dalla federazione, dagli sponsor e dai diritti di trasmissione. Inoltre, la maggior parte dei club ha uno sceicco o qualcuno con potere finanziario che spesso dà un contributo personale al club".

Kanté giocherà al fianco di Benzema nell'Al-Ittihad
Al-Ittihad

"Negli ultimi anni, il governo ha deciso di investire nel calcio per ingaggiare grandi atleti che vengono monitorati, valutati e finanziati da esso. I nomi vanno in base alle dimensioni del club, all'importanza nel campionato e alla partecipazione alla Champions League asiatica.

"Non c'è un limite di valore prestabilito, tutto viene analizzato caso per caso in base a ciascun club", afferma Erick Palazzi, agente FIFA e socio-proprietario di AS Football, che gestisce le carriere degli atleti.

Claudio conosce bene il calcio saudita per i suoi trascorsi da giocatore
Divulgação

Un rinforzo fondamentale

La presenza di stelle e giocatori con titoli ed esperienza aggiunge valore in vari modi.

Con stipendi non limitati dalla legislazione e l'afflusso di stelle di grande nome, potrebbe essere inevitabile che il campionato locale raggiunga un altro livello in termini tecnici, oltre a guadagnare maggiore visibilità sui media internazionali.

Ogni squadra può avere fino a otto stranieri, e i giocatori più rinomati avranno un ruolo importante nel portare il campionato sul palcoscenico globale.

"I giocatori sauditi sono migliori di quelli locali di altri Paesi. Gli stranieri aumentano il livello del campionato, nonostante i dubbi sul fatto che ciò possa indebolire la squadra nazionale. I giocatori sauditi dovranno affrontare una maggiore concentrazione e un livello tecnico più elevato, una nuova mentalità professionale. Questo aiuta il giocatore in campo", ha dichiarato Prates.

Claudio si unisce al club Al Taawoun
Al Taawoun Club

Un nuovo mondo

Cláudio Prates conosce il calcio saudita da 30 anni, avendo giocato nel campionato del Paese negli anni Ottanta. Tra un andirivieni e l'altro, ha potuto assistere a situazioni che collocano il calcio saudita a un nuovo livello, con questo nuovo scenario che ha tutte le carte in regola per essere un percorso senza ritorno.

"Uno dei lati positivi dei sauditi è che riconoscono la necessità di migliorare. Prima erano poco professionali nella loro struttura e anche nel loro comportamento. La gestione professionale ha preso piede negli ultimi anni, l'evoluzione è stata impressionante. Quasi tutti i club sono molto ben strutturati, l'eredità della Coppa del Mondo in Qatar è stata grande. Un aiuto importante è stata la presenza di comitati tecnici di professionisti provenienti dal Brasile e dall'Europa", sottolinea Prates.

Koulibaly si è accordato con l'Al-Hilal
Al-Hilal